Come imparare l’arte dell’origami con la Pro Loco di San Felice Circeo

Come imparare l’arte dell’origami con la Pro Loco di San Felice Circeo

L’arte dell’origami, ovvero la tecnica attraverso la quale si ottengono oggetti e figure mediante la piegatura della carta è molto antica.

Nacque in Giappone nel VI  secolo, nel contesto della religione shintoista, in seguito all’introduzione nel Paese da parte dei monaci della carta, a cui veniva attribuito un valore sacrale. La tecnica dell’origami con il passar del tempo si diffuse e prese piede anche in contesti extra-religiosi ed entrò nelle case della gente. In Giappone è usanza regalare agli ospiti un origami a forma di gru, che è un animale che simboleggia la purezza e la prosperità e viene donato per augurare buona fortuna. Oggigiorno quest’arte è molto diffusa anche in Occidente ed è amata da grandi e piccini per gli infiniti mondi che si possono creare attraverso la sua pratica: da divertenti figure per bambini a veri e propri complementi d’arredo come lampade, scatole portaoggetti e molto altro. Pare che creare origami apporti anche benefici a corpo e mente, perché migliora la concentrazione, stimola le capacità cognitive e reattive e migliora l’autostima, poiché si dà vita a qualcosa che è stato creato interamente con le proprie mani.  

 

 

 

Da circa tre anni l’Associazione Pro Loco di San Felice Circeo si è avvicinata a questa antica arte grazie alla collaborazione con l’Associazione culturale “Elicriso”, con la quale è nata una bellissima sinergia, che ha prodotto iniziative interessanti e mai banali. Tra le svariate attività svolte assieme il laboratorio didattico di origami, spesso affiancato alla pet therapy, è tra le più originali. Augusta D’Andrassi, socia del Centro di diffusione origamistica italiana, ha guidato i bambini verso la creazione di decorazioni natalizie, figurine di Halloween, animali, segnalibri, piccole scatole porta-oggetti, il tutto attraverso l’utilizzo delle mani e la piegatura della carta, senza l’utilizzo di altri ausilii. Un modo semplice per riscoprire la propria manualità e la propria creatività, in un mondo dominato dalla tecnologia, in cui si ha sempre minore familiarità con l’artigianalità. In attesa di riprendere le attività guidate e i laboratori didattici nei prossimi mesi, vi invitiamo a sperimentare nei vostri momenti liberi, magari anche con i vostri bimbi, questo simpatico passatempo, che siamo sicuri vi darà grande soddisfazione.