1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Ultimo Aggiornamento:
General update: 24-06-2017

Stay Connected:

FacebookTwitterYoutube
Messaggio
  • Cookie Normativa EU e-Privacy

    Questo sito usa i cookies per la registrazione utenti, navigazione, statistiche e altre funzioni. Navigando all'interno del sito, accettate l'utilizzo dei cookies sul vostro dispositivo e la registrazione dei dati.

    Leggi la normativa

Riparo Blanc

Il Riparo Blanc è una piccola cavità rocciosa posta 20 m. s.l.m. sfruttata dall’uomo durante la preistora. Si raggiunge prendendo dal Centro Storico la via del Faro e proseguendo oltre verso la Batteria. Questa grotta evidenzia la testimonianza di un insediamento umano del Mesolitico (circa 8500 anni fa). Lo strato ad esso relativo comprende un’industria litica molto particolare e resti di faune: furono rinvenuti infatti moltissimi strumenti definiti dagli archeologi denticolati e con delle intaccature che servivano per staccare dagli scogli e aprire i gusci dei circa 30.000 resti di molluschi, prevalentemente marini, qui rinvenuti.

Grotta preistoricaLa grande quantità di molluschi (un ammasso di rifiuti di pasti) nel Riparo indica un adattamento delle genti del Mesolitico alle mutate condizioni dell’epoca Postglaciale quando la raccolta intensiva dei molluschi marini di scoglio sostituisce la caccia degli ormai scarsi animali di grossa taglia.

Al Mesolitico segue il Neolitico caratterizzato al Circeo dalla comparsa dell’industria su ossidiana. La presenza di questa roccia è da porsi in relazione con lo sfruttamento dei giacimenti di questo particolare vetro vulcanico dell’isola di Palmarola (arcipelago pontino). Dalle coste del Circeo questo nuovo materiale, più facile da scheggiare, si irradia e si diffonde in tutto l’entroterra pontino e in buona parte della Penisola.

Chi è on-line?

Abbiamo 94 visitatori e nessun utente online

Accesso Utenti