1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Ultimo Aggiornamento:
General update: 25-07-2019

Stay Connected:

FacebookTwitterYoutube
Messaggio
  • Cookie Normativa EU e-Privacy

    Questo sito usa i cookies per la registrazione utenti, navigazione, statistiche e altre funzioni. Navigando all'interno del sito, accettate l'utilizzo dei cookies sul vostro dispositivo e la registrazione dei dati.

    Leggi la normativa

Articoli

CALAMARATA ALLO ZAFFERANO

La calamarata è un primo piatto tipico della tradizione partenopeo a base di calamari, preparato con un originale formato di pasta che richiama la forma degli anelli di calamaro. Pochi ma ottimi ingredienti, una buona pasta e l’aggiunta dello zafferano del Circeo per dare alla pietanza un sapore unico.

 

INGREDIENTI (per 4 persone)

360 g di pasta calamarata 

600 g. di calamari

300 gr. di pomodori pachino

1 bicchiere di vino bianco secco

1 spicchio d’ aglio

20-24 stimmi di Zafferano del Circeo

prezzemolo tritato 

olio extravergine di oliva

sale q.b.

 

PROCEDIMENTO 

In una grande padella mettere un po’ di olio extravergine di oliva, l'aglio spellato. Dopo aver fatto dorare l’aglio a fiamma media, toglierlo e unire i calamari, puliti e tagliati a rondelle lasciando che prendano colore. Aggiungere il vino bianco e fate sfumare bene. Salate q.b. e aggiungete i pomodorini lavati e tagliati a metà. Lasciate cuocere il tutto a fiamma moderata. In una casseruola lessate in abbondante acqua bollente la pasta e scolatela al dente. Unite la pasta ai calamari e infine aggiungete lo zafferano, precedentemente polverizzato e lasciato in infusione in mezzo bicchiere di acqua calda per circa 20 minuti. Fate saltare a fuoco moderato mescolando accuratamente per far assorbire alla pasta tutti i sapori. Servite con una spolverata di prezzemolo.

 

Come si usa lo zafferano in stimmi:

Dosi: 5/7  stimmi di zafferano a persona.

Uso per infusione: mettere gli stimmi necessari in un po' di acqua calda o brodo caldo e lasciarli in infusione per almeno 2 ore. Così facendo, gli stimmi rilasceranno tutto il loro bouquet di aromi. L’infuso così ottenuto, carico di tutte le proprietà organolettiche della spezia, va aggiunto alla pietanza poco prima del fine cottura .

Uso per polverizzazione: per velocizzare il processo di infusione gli stimmi si posso polverizzare prima dell’uso. Per farlo porre la quantità necessaria di prodotto in mezzo ad un foglietto di carta forno e mettere in forno a bassa temperatura (40 - 60 °C) per pochi minuti, ossia quel tanto che basta per essiccare maggiormente gli stimmi e renderli friabili. A questo punto possiamo facilmente ridurli in polvere schiacciandoli con un cucchiaio o con la punta di un coltello. Mettere la polvere cosi ottenuta in un po' di acqua o brodo caldo e lasciare in infusione per almeno 20 minuti. Come sopra, l’infuso così ottenuto va aggiunto pochi minuti prima del fine cottura della pietanza.

 

Crediti: www.zafferanodelcirceo.it 

 

 

 

Chi è on-line?

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online

Accesso Utenti